didascalie

non male, forse perché avevo voglia di un disco del genere.

uguale a tutti gli altri, meno bello di quelli davvero belli, l’ideale se hai voglia di ascoltare gli eits e non trovi i vecchi dischi perchè nella tua cameretta c’è disordine.
ci sono rimasto un po’ male perchè white oak door finisce di colpo e pensavo che la mia copia fosse rovinata, che è un vecchio modo di dire che sta per “il rip è fatto alla cazzo di cane”. in realtà scopro che per una questione meta-narrativa il disco è proprio così. poi iniziano quattro pezzi acustici che manco micah p hinson, che mi ricordano l’ananas sulla pizza in quanto a decontestualizzazione. del resto sono americani e di queste cose ne sanno.
non ascoltavo una cosa del genere da helvete dei mai troppo compianti nasum. lacrime.
bello.
bellissimo, meno fresco ed ingenuo del primo, più potente, smashing pumpkins versione billycorganconicapelli o come vogliate chiamare quella specie di toupet che aveva all’epoca di siamese dream e my bloody valentine. forse sto diventando ricchione.
Annunci

Informazioni su paranoise

mi piace la musica di satana.
Questa voce è stata pubblicata in denti sanguinolenti, dischi 2011, famosi per i motivi sbagliatissimi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...