bravi google stavolta approvo

non so se avete visto google (non me la sento di linkare google, dai), comunque c’è un giochino che si suona la chitarra simpaticissimo. Ottima trovata pubblicitaria, che però dà anche l’occasione per ricordare quel furbacchione di les paul, uno dei pochi geni americani veri. Forse il suo nome vi ricorderà il modello di chitarra che hanno usato praticamente tutti (il primo che dice slash gli spacco la faccia diocane) e della quale anch’io devo ammettere di subire il fascino (unica chitarra di cui possiedo due modelli differenti), ma il buon les paul era molto altro oltre che l’inventore della suddetta chitarra.
Prima di tutto era stato proprio il primo a concepire una chitarra solid body (“una chitarra con il corpo pieno, senza cassa armonica, ma sei fuori zioo?” dicevano i dirigenti della gibson fine anni 40, poi quando hanno visto che uno zione da fullerton aka leo fender con un manico attaccato a un asse del cesso in frassino si faceva i soldoni han detto “sai che quel les paul lì sarà anche un pò matterello, però c’aveva ragione” e allora c’han fatto i soldi pure loro) che tu dici “ma a me chemminchia me ne futte”, ma voglio vederti te a fare tipo queste robe qua che appena la attacchi partono fischiacci e feedback fortissimi con una chitarra con la cassa armonica, tutti i fan del RUOCK quello fatto con gli amplificatori giganti dovrebbero ringraziarlo tantissimo.
Oltre a ciò in particolare il soggetto di questo ricordo è più che notevolissimo soprattutto per i fans della musica noiosissima anche e soprattutto per il fatto di aver inventato tutte quelle questioni di loop e overdub in tempo reale, che per voi ignorantoni è, detta in soldoni, la questione di aggiungere strati di roba su roba, che ha fatto la fortuna della musica veramente noiosa, da robert fripp in poi. come si può vedere proprio qui

Oltre a tutto ciò era un bel chitarristino mica da ridere, avanti qualche anno rispetto a tutti gli altri

oltre che un intrattenitore grandissimo.
Negli ultimi anni di carriera aveva una serata fissa, il lunedì al jazz club iridium, dove si esibiva nonostante l’avanzare dell’età, e dove passavano i migliori musicisti mondiali a portare il proprio tributo a una grande mente nel mondo della musica.

Curioso fatto, che les paul dopo gli anni 60 considerava la chitarra a suo nome (la les paul classica) un progetto sorpassato, mentre tutti gli altri iniziavano a idolatrare quella les paul del 59 che ora viaggia a prezzi improponibili su ebay. Curioso anche che invece usasse questa chitarra qua,

la les paul recording che grazie all’impedenza diversa e agli switch gli permetteva di entrare diretto nel mixer e soprattutto fare robe strane che ci sono i video su youtube ma ora non li trovo.
Ma forse qui si sta esagerando un pochetto.
Grazie e arrivederci.

Annunci

Informazioni su ilsamoano

tu dici che è hardcore quando scleri più di Sgarbi, quando mi cacci la gomma come Barbie, ma arrivi tardi.
Questa voce è stata pubblicata in amplificatori potentissimi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a bravi google stavolta approvo

  1. Davide ha detto:

    manca il tag ''parlare di pedalini''

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...