vasco brondi diceva "come back september" ma non capiva un cazzo.

tra pochi giorni sarà autunno. cos’ha di bello l’autunno? il crepuscolo dei giorni che si accorciano inesorabili, le foglie sbiadite che si lasciano cadere sui marciapiedi, la sottile pioggia che si infrange sui parabrezza? tutto questo potrebbe essere vero per uno smidollato o per un fan del gothic metal della prima ora che finalmente può ascoltare i primi dischi dei paradise lost senza sentirsi eccessivamente fuori posto grazie alla labile giustificazione climatica. ora, tralasciando il fatto che uno smidollato lo sono, e soprassiedo sul mio eventuale possesso di una copia di gothic, questi non rappresentano motivi sufficienti per guardare con fiducia ad una stagione da sempre avara di soddisfazioni e che fa di tutto per esacerbare la mia idiosincrasia mettendomi sul piatto una tesi da scrivere, la militanza nell’inter di zarate, il giocatore più irritante e signorina della serie a, la quasi certa assenza dell’nba, una certa altra assenza, la crisi economica ed un futuro funereo. potrebbe certamente essere solo la mia indole melodrammatica, ma confido in una indian summer duratura ed in un’intervento epifanico della madonna che sulle note di hung up mi detti la soluzione a tutti i miei – fittizi – problemi.

nonostante tutto, esiste una serie di motivi nascosti, che esulano dalla semplice, speranzosa attesa di un inverno glaciale in cui riascoltare la discografia degli immortal, per fare sì che questa stagione crudele ed abietta possa trascorrere senza un consumo eccessivo di sertralina.
il primo non ha nessuna attinenza con l’autunno, visto che riguarda l’ultimo fine settimana d’estate. cioè questo.

dato che, nonostante le mie ripetute richieste affidate alla letterina per gesù bambino, non ho ancora acquisito il dono dell’ubiquità, dovrò necessariamente compiere una scelta, concetto con cui ho qualche difficoltà. ci terrei molto a vedere i laghetto non-suonare, d’altro canto sono lievemente inibito dalla prospettiva di una trasferta da solo in una terra straniera, visto che, se, come mi aspettavo, la maggior parte dei miei amici e conoscenti ha sorriso con sufficienza alla mia proposta “andiamo a bologna a vedere un sacco di gruppi che non hai mai sentito nominare se non da me quando, ubriaco, ti annoio parlandoti di cose che non ti interessano”, anche i più papabili, tra cui qualche personaggio di dubbio gusto che scrive(va) su queste pagine, si sono ignobilmente tirati indietro. non è così che si supporta la scena, amici. in ogni caso, preferirei non fare programmi a riguardo dato che l’instabilità psicosociale di cui mi beo potrebbe condurmi a decisioni avventate ed improvvise, come non andare a nessuno dei due eventi, il che sarebbe certamente deprecabile.
il secondo motivo sono i black cobra.

a breve esce invernal, su southern lord. metalsucks qualche tempo fa ci ha permesso di ascoltare avalanche, e potremmo disquisire per ore di quanto sia più metal rispetto ai precedenti e su come la produzione di prezzemolino kurt ballou abbia influenzato il loro suono, ma la cosa parrebbe sinceramente sterile, visto che immagino che comunque il disco adempia, come sempre, alla sua funzione ultima, ovvero quella di farmi sanguinare l’orecchio interno.

un ulteriore i motivo è il concerto dei melvins il sei ottobre al bloom.
non mi vengono in mente altri motivi, al momento – se non seguire sui giornali le evoluzioni del favoloso caso della sessione di bondage finita male a roma, uno degli avvenimenti di cronaca più sinceramente divertenti dai tempi del tizio che si fece consenzientemente mangiare in germania qualche tempo fa e a proposito del quale i rammstein scrissero mein teil.
Annunci

Informazioni su paranoise

mi piace la musica di satana.
Questa voce è stata pubblicata in concerti noiosi, dischi 2011, Emilia paranoise e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...