Cosa unisce me e un fricchettone non è il Partito Democratico

La storia della cassettina di F#A#∞ prestatami da Seruggia, che nella mia esperienza personale costituisce l’atto di nascita di musicanoiosa, ve l’ho già raccontata da qualche parte, forse qui. Poi – vedi i casi, porcatroia – qualche giorno fa mentre pulivo casa mi è capitato che

La traccia infinita dei Godspeed sul giradischi mi è entrata in risonanza con la ventola del bagno e ora sono finito in un mondo parallelo dove a gestire il racket delle pulizie di casa, anziché i filippini, sono i norvegesi.

E allora il nostro amico Gesù ha voluto premiare la pazienza, la tenacia di chi conosce quattro gruppi in croce e li riascolta a ripetizione: il 15 ottobre (un po’ prima su Internet) esce il nuovo disco dei Godspeed, con un altro titolo difficile da ricordare, Allelujah! Don’t Bend! Ascend! e una canzone che, se solo i gruppi che piacciono a noi avessero una rilevanza culturale paragonabile a quella delle foto di Lady Gaga grassoccia, qualcuno potrebbe sdegnosamente considerare dedicata a Ratko Mladić, solo perché Mladic è il suo titolo (amo le polemiche sterili non petitae).

Io, una volta l’ho detto a simonerossi, penso che i veri fricchettoni oggi ascoltino più i GY!BE che non Peter Tosh. E la storia della Constellation Records, quella del loft sfasciato e tossico a Montreal, ha dentro l’amore, l’ingenuità e la scarsa igiene intima di ogni storia hippie che si rispetti. Solo che dove – per esempio – un violino o un violoncello dentro la musica pop può separare irreparabilmente un fan terminale di FABER da un uomo dotato di senno e di gusto, qui uniscono tutti i barbuti allineati in un abbraccio che non s’ha da fare, perché elementi casuali di un’idea della musica nevrotica e ispirata ai rumori suburbani piuttosto che alle scale minori armoniche. Un casino, un fottio maledettissimo e inarrestabile di immagini, o forse sono ricordi dei visual di quella sola volta che li hai visti, ma tanto non cambia molto.

della bravissima tostoini

A proposito di immagini, online ci son già tutte le foto delle copertine (fronte-retro) e del (boh) booklet (a giudicare dall’LP che possiedo io, sarà tutto ficcato dentro alla carlona, benedetti fricchettoni, altro che booklet), generosamente offerte dagli stessi GY!BE che devono aver intuito di aver mosso un certo casino nei guazzabugli emozionali di alcune migliaia di persone.

Qui sotto, invece, un video di quaranta minuti che parrebbe essere il leak di Allelujah! Don’t Bend! Ascend! in una versione pre-prodotta, pre-mixata, pre-maturata, di cui consiglio di ascoltare anche solo i minuti 15-18, 28-30, 33-38 se avete voglia di andare a spaccare culi e scoprire che il culo rotto era il vostro, con il piglio di un Marco Aurelio impestato e le ascelle trionfanti.
 Colas

Annunci

Informazioni su pucci

no, non ho detto noglia.
Questa voce è stata pubblicata in a volte ritornano, c'era una volta il post-qualcosa, calci in faccia, dischi 2012, etichette che hanno capito, fotta, gente pazza, manate in faccia, musica intelligente per gente noiosa e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cosa unisce me e un fricchettone non è il Partito Democratico

  1. serudgia ha detto:

    ustica, che roba!

  2. Pingback: I miei inutili dischi del 2012 | musicanoiosa

  3. Pingback: RT «Scusateci per essere così noiosi» | musicanoiosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...