se non sei su youtube non sei un cazzo di nessuno.

ho smesso di andare ai concerti per un certo tempo perché di concerti a cui andare non ce n’erano o me li dimenticavo, per poi pentirmi, come oggi, quando ho scoperto che ieri hanno suonato i doom ma non il rapper – vi ho già detto che ascoltare MF doom, el p e killer mike negli ultimi anni mi ha permesso di autoassegnarmi i crismi di appassionato e profondo conoscitore del rap? no? nel caso ve lo dico ora: sono un appassionato e profondo conoscitore del rap. ho ascoltato tra i cinque ed i dieci dischi escludendo gli uochi toki e quasi tutti non sono conosciuti dai veri appassionati e profondi conoscitori del rap, il che penso significhi che i veri appassionati e profondi conoscitori del rap sono degli incompetenti – e quando l’ho scoperto ho fatto un incidente in macchina per il disappunto. mi fa ancora male lo sterno. ma non vorrei divagare. un’eccezione alla mia rinnovata inedia musicale si è materializzata venerdì scorso all’agorà di cusano milanino: è già buffo che esista un paese che si chiama cusano milanino ma non mi ricordo perché. ci suonavano i gazebo penguins. sono molto affezionato ai gazebo penguins ed a legna in particolare, dal punto di vista prettamente emotivo, e quindi più sbagliato di tutti. il fatto è che mi hanno raccontato delle banalità sconcertanti nei loro testi, ed essendo la mia psicologia di una banalità altrettanto sconcertante li ho fatti miei immediatamente, ritrovandomi in cose come “scappando dai tramonti non cambieremo mai”, “senza di te ho perso un po’ di ilarità”, “non mi hai mai visto in un film coi tuoi eroi”, “con i soldi della spesa comprerò un po’ di fortuna”. ed addirittura “la prima volta che ho ascoltato le mondine ho pianto del coraggio che non ho”, e vorrei puntualizzare che io le mondine non le ho mai ascoltate. cosa volete che vi dica? ci si affeziona. probabilmente mi accorgo dei miei ventisette anni ed ho bisogno di qualcuno che me li racconti; probabilmente invece no, ma mi riesce difficile immaginare gli ultimi diciotto mesi senza rappresentarli con qualche canzone di legna. in realtà tutte queste parole non sono altro che una scusa per mostrare al mondo questo video che ho trovato su youtube in cui compaio tra gli imbecilli che cantano in prima fila. si tratta della mia seconda apparizione su youtube: nella prima mi si intravedeva ad un concerto dei sunn 0))) e davo nuovo significato alla parola ebete. anche qui non me la cavo male.

altre cose rilevanti da dirvi penso non ce ne siano, a parte che sono usciti dischi importantissimi di cui non frega un cazzo a nessuno. ad esempio book burner dei pig destroyer, che non ascolterò, tanto so già che è bellissimo.

(EDIT: questo post conteneva un embed di SoundCloud, non più, a causa di quella cacata astrale chiamata Cookie Law. Se anche tu vuoi fermare sta follia, firma la petizione al seguente link: http://bloccailcookie.org )

è la prima volta che posto qui qualcosa da souncloud. sicuramente ci sarà qualcosa di sbagliato e nessuno riuscirà a vederlo, ma non credo verremo sommersi da lettere di lamentela. e poi potete sempre cercare “pig destroyer book burner streaming” su google ed affidarvi ad un sito migliore di questo, cosa pretendete?

post scriptum: penso in realtà di essere finito su youtube qualche altra volta, nella fattispecie con risate di sottofondo mentre alcuni miei amici si facevano male. come quella volta che ilsamoano si è rotolato giù da una collina.

Annunci

Informazioni su paranoise

mi piace la musica di satana.
Questa voce è stata pubblicata in anti crisi, c'era una volta il post-qualcosa, calci in faccia, concerti con 20 persone, dischi 2011, dischi 2012, disco dell'anno, il samoano non capisce niente, informazioni completamente inutili, musica italiana e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a se non sei su youtube non sei un cazzo di nessuno.

  1. ilsamoano ha detto:

    vorrei ricordare la tag della ricerca su youtube dei miei 15 secondi di popolarità, “posseduto dal gatto fotonico”. Come eravamo giovani figa. Ma ora non lo siamo più. Cosa che si nota dall’apprezzamento di gruppi quali i gazebo penguins.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...