Benedetta sfortuna

Uno di quegli insegnamenti scolastici che non ti si staccano mai di dosso è il concetto di vox media (parola/significato neutro, potremmo dire). Tipo, quando scopri che venenum significa sia veleno, sia farmaco, dipende dall’uso e dalla qualificazione, in quel momento una delle tue certezze di bimbetto si infrange. Fortuna è una parola media, di significato neutro, almeno nella vecchia lingua del Flacco: mettici un bona o un mala, altrimenti non ci capiamo, mettiti da una parte, scegli una squadra. Questo bisogno di simmetria che hanno tutte le ambiguità non ti si leverà di dosso, quantomeno fino a quando avrai dato il primo esame di Glottologia e l’ambiguità ti avrà sbattuto la porta in faccia. Per il resto del liceo (se hai fatto il liceo, qui siamo snob) non farai altro che stillare con grande sforzo eruditissimi testi à la Bluvertigo, liriche che ti preoccuperai di emendare peggio di un Borroughs in giornata sì, come del resto il Flacco ti aveva insegnato di fare, ottenendone nient’altro che compatimento collettivo, e dopo qualche ora di troppo in saletta-prove ti ritroverai come un cretino a preparare il primo esame di Glottologia.

Se dici buona fortuna, oggi, stai esprimendo un augurio. Nessuno ti chiede l’aggettivo qualificativo, perché non esiste una cattiva fortuna. Esiste la sfortuna, l’assenza-di-un-destino, la mancanza-di-sorte. Unluck è il nuovo EP dei Giardini di Mirò, che giusto poco fa erano usciti con Good Luck, un disco che secondo me non c’entrava molto con quello che avevano fatto prima, e mi era piaciuto. Queste tre canzoni c’entrano ancora poco con quello che avevano fatto prima, e di certo non sono il contrario di Good Luck. Semmai la negazione di un’augurio, ma come bonus track dell’augurio stesso, come se una cosa della quale ormai abbiamo dimenticato cosa fosse il contrario simmetrico non potesse fare a meno di portarsi dietro la sua negazione. Una bella sfiga, insomma.

secretfurryhole

Annunci

Informazioni su pucci

no, non ho detto noglia.
Questa voce è stata pubblicata in dischi 2012, Emilia paranoise, musica per presi male, recensioni sbagliate e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...